Ipnosi Costellazioni Familiari Relax

L'Ipnosi non esiste, tutto è Ipnosi M. Erickson

Curare nello stato di ipnosi ipnoanalisi

Curare nello stato di ipnosi ipnoanalisi

 

Per curare nello stato di ipnosi occorre:

 

1   prima rinforzare l’IO

2   aiutare il paziente ad acquisire il senso del suo potere di essere adulto (ovvero a stabilire le proprie direttive).

3   far fare un progetto per il futuro.

4   si deve affrontare con un approccio dinamico come facilitare la regressione e lavorare con la parte creativa del soggetto.

E’ importante non andare subito a “curare” la parte creativa del soggetto perché prima è più importante l’IO del soggetto, il quale prima di arrivare alla propria parte creativa pura deve sviluppare il senso di capacità nel qui ed ora. Solo quando il soggetto ha sviluppato il suo senso di capacità (essere in grado di…) può entrare in contatto la sua parte creativa e risolutiva.

Per facilitare la guarigione occorre ascoltare il paziente (non necessariamente le parole), ma ascoltare col terzo orecchio, cioè non solo col cervello ma anche col cuore. Lo psicoterapeuta deve sentire più col cuore che col cervello. C’è chi ha bisogno della testa nella terapia, ma è meno importante di quello che si vorrebbe far credere. Certe volte è più importante stare li con il soggetto, per il soggetto, il quale potrà se vuole portare  con sè la voce del terapeuta ovunque egli andrà. La terapia è 24 ore al giorno perchè il terapeuta, a livello inconscio, è sempre con il paziente (Erikson: La mia voce ti accompagnerà)

a cura di dott. Paola Felici

Share
© 2000-2018 Copyright Paola Felici P.IVA 1117671005. -